Dal mio dentista…..ovvero , le vecchie case di Milano

20150527-154515.jpg

Lo studio del mio nuovo dentista e’in una via come tante altre , senza una precisa connotazione , in un rione che ha sicuramente conosciuto tempi migliori….

Tutta la zona ,urbanizzata nei primi del’900 , ha mantenuto per decenni la tipica fisionomia e il decoro di quell’epoca ; ma , con i bombardamenti della 2a guerra mondiale , alcune vie , particolarmente danneggiate , hanno perso la loro impronta originaria , man mano che alle vecchie case signorili si sono aggiunti edifici più anonimi e ristrutturazioni affrettate.

Camminando sui marciapiedi , bisogna alzare gli occhi al disopra dei vecchi portoni per accorgersi di quanto e’ rimasto dello stile di allora. Fra il grigiore e l’austerita’ dei vecchi muri un po’ ammalorati ,sopravvivono bassorilievi , serrande in ferro battuto e balconi istoriati che ci raccontano un periodo che non esiste più .

Ed e’ sorprendente la scoperta dei vecchi androni.

In moltissimi stabili , le portinerie sono state abolite , soppiantate dai citofoni , e i loro spazi sono stati destinati ad altre funzioni , ma quando vi si accede si possono trovare piccoli tesori insospettati.

Un tempo , quando i portoni rimanevano aperti tutto il giorno , l’ingresso era considerato l’emblema del palazzo , da qui , l’impiego di marmi e stucchi che sopravvivono malgrado la scarsa manutenzione odierna ……

Sono riuscita a curiosare qui e la’ , e ho fotografato:

Una tipica scala in ferro battuto

20150527-161456.jpg

Portoni stile ‘900

20150527-161803.jpg

20150527-162007.jpg

20150527-162839.jpg

20150527-162929.jpg

Androni e interni

20150527-163251.jpg

20150527-163631.jpg

20150527-163835.jpg

20150527-164020.jpg

20150527-164117.jpg

dal sotto in su……..

20150527-165630.jpg

Un caffe’ sospeso…..

20150516-114002.jpg

20150516-112216.jpg

Prendo spunto dal bellissimo post di Manu , nel suo blog “soñando…con maletas.wordpress.com” per ricordare la tradizione prettamente napoletana di pagare alla cassa del bar un caffe’ extra , ( cioe’, uno in piu’oltre al nostro ) perché possa usufruirne qualcuno che questo piccolo lusso non se lo puo’ permettere…

Bene , abbiamo cominciato anche qui nel mio rione , dove una libreria/osteria in zona Loreto/Stazione Centrale , (l”Utopia”) , ha accolto per prima ,questa iniziativa .

Che non si limita solo ai caffè….
L’esperienza e’estesa anche al libro SOSPESO!

Il locale in questione, dove si può prendere un aperitivo, ma anche pranzare o cenare , offre una grande varietà di volumi e molti , sono scontati del 50%…

Ieri, ero arrivata troppo presto dal dentista , che e’ li’ accanto , e mi sono rintanata da loro a sfogliare alcune pubblicazioni esposte .
Poi , naturalmente , ho finito per comperarmi due libri ( 7€ l’uno! ) avendoli prima consultati , comodamente seduta ad un tavolo , davanti al mio caffè ….

La prossima volta , magari , mi prenderò un libro solo e ne pagherò due , lasciando …..UN LIBRO SOSPESO…!

Mi piacerebbe sapere quanti simpatizzano con questa iniziativa……

Un’ennesima torta salata

I rotolo di pasta sfoglia già pronta
100 gr di speck
I kg erbette o spinaci
100 gr pecorino stagionato
2 uova
Sale,pepe,era cipollina,alloro

Stendere la sfoglia in una teglia da forno (qualche minuto prima della preparazione).

Lessare gli spinaci con un po’ di sale , scolarli , strizzarli , e saltarli in padella , a fuoco vivo , con olio , pepe ,erba cipollina e alloro in polvere.
Dopo averli intiepiditi , coprire per intero il fondo della teglia e versarvi sopra le due uova sbattute in modo di impregnare tutto lo strato.

Stendere le fette di speck allineate e terminare con fettine di pecorino stagionato sparsi su tutta la superficie.

Come al solito , avvicinare i lembi della pasta verso il centro , come parziale copertura.
(Avrete lasciato da parte un po’ di uovo per spennellare la sfoglia…)

Infornare a 180 gradi e cuocere per 40′ circa

…………………………………………………………………..

20150515-230111.jpg

20150515-230148.jpg

altre foto della libreria “Utopia

20150518-122720.jpg

20150518-122934.jpg

20150518-123009.jpg

20150518-123104.jpg

20150518-123140.jpg

Milano : Inaugurata la nuova Darsena

20150503-093940.jpg

20150503-093703.jpg

20150503-093623.jpg

20150503-093516.jpg

Ci vorrebbero pagine e pagine per raccontare la storia della nostra darsena sul Naviglio , costruita nel 1603 , sotto la dominazione spagnola , e arrivata fino ai giorni nostri attraverso molteplici passaggi……( vedi: Wikipedia )
Ricordo solo , che da qui transitavano le barche con i carichi di marmo di Candoglia ( sul lago Maggiore) ,per la costruzione del Duomo.

Dal 2007 , il comune ha deciso la sua ristrutturazione , causando si’ , il malcontento di molti cittadini , ( difficolta’nel traffico deviato ed eterni lavori in corso) , ma anche l’entusiasmo di chi , da subito , sperava nel risultato finale…..

Adesso , i milanesi sembrano soddisfatti , perche’ questo storico , vecchio, caro rione della nostra città ha acquisito una nuova dignità ed ha arricchito Milano….

Sulla sua terrazza si va a passeggio , a piedi e in bicicletta , mentre , sullo sfondo , si vedono le vecchie case , i negozi e i tram

Ci si puo’fare anche la spesa , perché i negozi in darsena sono ben provvisti….
Insomma , e’ una piccola oasi in centro città …….

Purtroppo non c’era sole quando l’abbiamo visitata , ma alcune foto , mie e di Rene’ , testimoniano l’avvenuto ricupero……

href=”https://milaneseblog.files.wordpress.com/2015/05/20150503-094934.jpg”>20150503-094934.jpg

20150503-095012.jpg

Vue d’ensemble

20150503-095352.jpg

20150503-095450.jpg

Schermi giganti sul cubo rotante….

20150503-095933.jpg

20150503-100046.jpg

Le vecchie case

20150503-100316.jpg

Passeggiata

20150503-100436.jpg

Negozio….

20150503-100805.jpg

Arredo urbano e barchetta

20150503-101558.jpg

Darsena , arrivederci…